05 dic 2010

Ricotta Day


Oggi è stata la giornata della ricotta.
E da oggi la ricotta mi piace ancora di più :)

Pranzo a casa di amici in questa domenica freddissima riscaldata dal calore di una casa accogliente e da un paio di occhi azzurri che scalderebbero qualsiasi cuore. Buon vino, buon cibo e la ricotta protagonista: di bufala per il pranzo, di mucca per il dolce.
Dall'aperitivo di mousse ricotta&mortadella, ad uno degli antipasti con frittata di ricotta&zucchine, al condimento dei maccheroncini di Campofilone con i funghi. 

Piccolo intermezzo con bistecca alla brace (tanto per non farsi mancare nulla) e poi sono arrivata io con la mia crostata. 
 
Preparata il giorno prima ha tutto il tempo di riposare ed essere assaporata divorata nella sua compattezza.

Ingredienti:
(stampo apribile di 24 cm.)

500 gr. di pasta frolla (io l'ho aromatizzata alla cannella)
500 gr. ricotta di mucca
150 gr. zucchero
2 uova
scorza di limone grattugiata
vaniglia
pizzico di sale

Per la ricetta ho usato quella di GialloZafferano, dimezzando però la dose della farcitura perché dalla foto ho creduto potesse essere eccessiva: effettivamente sono pienamente soddisfatta del risultato, una dose doppia la reputo eccessiva per i miei gusti. Ho anche eliminato un po' di aromi  semplificando solo con limone e vaniglia e mettendo invece la cannella direttamente nella frolla.
L'unica cosa che posso suggerire è di ridurre anche lo stampo perché il ripieno si sgonfia durante il raffreddamento e la crosta rimane un pochino sollevata.

Foderare lo stampo di pasta frolla lasciando un bordo abbastanza alto da poter essere ripiegato verso l'interno una volta versato il ripieno. Frullare la ricotta con le uova, lo zucchero e gli aromi e farlo sobbollire leggermente a fuoco basso. Versare nello stampo foderato, ripiegare i bordi e completare con il reticolato di pasta.
In forno a 180° per un'ora.

Credevo fosse un esperimento: è stata un successo!


P.s. adatta a tutte le età :)

3 commenti:

  1. Grazie per la splendida domenica! Ieri sera sono crollata stanchissima, ma felice, la torta ERA buonissima, non ci è piaciuta per nulla :)))) Anche Elena è crollata alle 9 esausta, ma dopo cena altri 10 minuti di gioco con le formine, grazie di cuore!
    Vale e Elena

    RispondiElimina
  2. Ecco un'altra bontà! Complimenti Giulia e grazie per aver postato la ricetta! :-)

    P.S. non sapevo che il ripieno andasse fatto sobbollire un poco: questo lo rende un pò meno morbido alla fine?

    RispondiElimina
  3. Si credo che il farlo sobbollire serva a quello, per rendere il ripieno un po' più compatto, tipo cheesecake.

    RispondiElimina