02 nov 2010

La torta di castagne di Adelaide Melles


Scusate per la foto poco gradevole ma ho fatto la torta ieri sera e l'ho fotografata con poca luce. Aggiungo per fortuna però, perché visto il successo che ha avuto, oggi non avrei avuto nulla da immortalare.
L'ideatrice di cotanto successo è lei, la famosa "signora del ciambellone " come l'ha chiamata una mia amica, e considerando il risultato di quest'ultimo mi sono buttata su questa ricetta straconvinta del risultato.
Ho fatto la versione bianca in onore della mia mamma che, altrimenti, dice che metto il cioccolato ovunque. E' venuta un po' poco compatta perché non avendo lo schiacciapatate ho proceduto a ridurre le castagne in pasta con la forchetta, ma ho già provveduto a rimediarne uno per il secondo tentativo.
Già, secondo tentativo, perché alcuni assaggiatori hanno promosso subito un comitato per la diffusione di tale golosità  mentre altri mi hanno contattata in preda al delirio affermando che ne avevo lasciata troppo poca...
E quindi domani si ricomincia :)

Ingredienti

500 gr. di castagne
110 gr. di burro
200 gr. di zucchero
100 gr. di mandorle tritate
4 uova
rum
un pizzico di sale

Lessare le castagne senza buccia in acqua salata. Spellarle e schiacciarle con uno schiacciapatate (cercate di farlo velocemente perché altrimenti se si freddano la pellicina sarà più difficile da eliminare).
Montare i tuorli con lo zucchero, aggingere a filo il burro fuso quindi le mandorle tritate, le castagne e il rum.
Montare a neve i bianchi ed aggiungerli delicatamente al composto. 
Versare in uno stampo imburrato ed infarinato e cuocere in forno a 180° per circa 40 minuti.



Grazie Adelaide per le tue ricette e grazie per essere sempre molto disponibile e gentile :)

3 commenti:

  1. Ma grazie a te Giulia, vedrai la prossima volta con lo schiacciapatate sarà perfetta, un abbraccio :)
    P.S. "la signora del ciambellone" mi piace moltissimo ;)

    RispondiElimina
  2. Bellissima ma soprattutto immagino la bonta e... La pazienza di pelare mezzo kg di castagne!
    Ma credo che il risultato ripaghi

    RispondiElimina
  3. @Kitty: quando fa freddo è un piacere pelare le castagne quasi bollenti, e poi ogni tanto una te la mangi, quindi è bene cuocerne di più :)

    @Ady: sono già munita e pronta per la replica, ti farò sapere a breve!

    RispondiElimina