27 mar 2012

Angel Food Cake allo zucchero di canna grezzo

 
La prima volta che l'ho preparata è stata grazie ad un post di Annamaria pubblicato mentre stavo cucinando tutt'altro. Mi sono resa conto di avere esattamente gli ingredienti giusti al momento giusto, soprattutto vista la quantità di albumi notevole che stavo mettendo da parte. E poi il fatto che fosse di Luca Montersino non poteva che essere sinonimo di successo.

E' una torta molto soffice, candida, che sa di buono ma anche tanto (troppo) di uovo.
Purtroppo l'aspetto neutro mi ha convinta poco, è stato come se mancasse qualcosa, quel tocco in più che potesse renderla più invitante. Insomma, mi è sembrata una torta "slavata". (La mia, sia chiaro, quella di Annamaria ha un aspetto migliore).

Però la consistenza era talmente meritevole che ho voluto riprovare apportando delle modifiche (tra cui la diminuzione dello zucchero), e questa volta ho trovato la formula giusta, che mi soddisfa molto di più e attenua il sapore di uovo grazie all'aroma dello zucchero di canna.


Ingredienti:
(per uno stampo da 24 cm, io ho usato la tortiera apribile di Guardini)
360 gr di albumi
200 gr di zucchero semolato
100 gr di zucchero di canna grezzo
5 gr di cremor tartaro
150 gr di farina 00
un pizzico di sale
vaniglia
zucchero a velo per spolverare

Unire i 200 gr di zucchero semolato con il cremor tartaro. Mettere gli albumi a montare unendo pian piano questo mix di zucchero e agente lievitante. A parte mescolare la farina con i 100 gr di zucchero di canna grezzo. Quando gli albumi saranno ben montati, unirli alla farina mescolando delicatamente dal basso verso l'alto per non far smontare tutto il composto. Unire anche l'aroma vaniglia (estratto o semi) e il pizzico di sale.
Imburrare una teglia apribile a cerniera e versare l'impasto.
Cuocere in forno già caldo a 170° per circa 35 minuti.

Ma non finisce qui, ovviamente.



Ho sperimentato l'abbinamento con un abbondante strato di Fiordifrutta alle fragole e fragoline di bosco e zucchero a velo e con Fiordifrutta alle Albicocche e cioccolato grattugiato.
In entrambe le versioni è venuta perfetta :)

4 commenti:

  1. buona! in effetti anche io trovo la versione classica un pochino troppo dolce... e amo lo zucchero di canna, come si può vedere nel mio blog, per cui mi sa che "tradisco" Luca per te :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. allora la pensiamo allo stesso modo, vedrai che ti piacerà!

      Elimina
  2. Interessante questa ricerca della ricetta perfetta. Da professionista del dolce quale sei.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. te l'ho mai detto che ti adoro? :))

      Elimina