6 apr 2011

Frollini naturali



Ho scelto questi frollini per introdurre la terza collaborazione di questo blog perché mi sono sembrati perfettamente in linea con quella che è la filosofia di questa azienda, la Rigoni di Asiago.

Parliamo di un'azienda che nasce come produttrice esclusivamente di miele, prima per il consumo personale e poi, vista l'eccedenza della produzione ed i larghi consensi ottenuti, si butta sulla vendita. Parliamo degli anni successivi alla Prima Guerra Mondiale e di una donna, la capostipite nonna Elisa, che da poche arnie da il via all'inarrestabile successo della Rigoni di Asiago.

Da diversi anni la Rigoni ha puntato molto anche sul biologico e grazie a questa scelta, oggi è l'azienda leader in questo settore produttivo.

Le sue confetture sono a dir poco speciali per gli estimatori, solo frutta dolcificata con succo di mela, cottura a basse temperature e tutte le proprietà organolettiche della frutta quasi intatte come si trattasse di frutta fresca. A tutto vantaggio di salute e gusto ovviamente.

Quindi potete immaginare l'entusiasmo nel ricevere la risposta alla mia richiesta di collaborazione!

Questa la campionatura che mi è stata inviata

Abbiamo la nocciolata (temo di non riuscire ad utilizzarla in alcuna ricetta se continuo a verificarne la bontà ogni giorno...) la fiordifrutta alla rosa canina, alle arance amare, alle ciliegie, alle pesche e ai limoni.

La prima che ho utilizzato è stata la fiordifrutta alle pesche, volevo fare qualcosa di classico che più classico non si può.

Per la frolla ho utilizzato la ricetta di Ducasse:

Ingredienti:

500 gr. farina biologica
300 gr. burro
200 gr. zucchero
2 uova intere (allevate a terra)
vaniglia

Ho montato burro e zucchero con la foglia in planetaria, ho aggiunto le uova e per ultima la farina (la vaniglia era già nello zucchero). Avendo finito la pellicola non ho potuto far riposare l'impasto in frigo di modo che rassodasse, quindi la consistenza era ideale per la sparabiscotti.

Ed ecco i miei meravigliosi fiori. Una volta cotti a 175° per 10/15 minuti al massimo, ho scaldato la fiordifrutta e l'ho versata al centro dei frollini. 


Il sole del mattino, l'aria primaverile di questi giorni, ingredienti naturali...come iniziare meglio la giornata?

8 commenti:

  1. Conosco molto bene l'azienda essendo una consumatrice DOC,prima di miele e poi di confettura (quando non uso la mia home made).
    E'un ottimo prodotto,biscotti e crostate vengono buonissimi :)
    P.s: quella di limoni è strepitosa

    RispondiElimina
  2. Si l'ho assaggiata quella di limoni, ma sono stata bravissima a richiuderla subito ;)

    RispondiElimina
  3. Anche io adoro la rigoni, questi biscottini Elena se li sgranocchierebbe volentieri!

    Elena's mom

    RispondiElimina
  4. vedrò di ricordarmelo la prossima volta che ci vedremo ;)

    RispondiElimina
  5. Bellissimi!!!! sembrano veramente dei fiori, voglio prepararli per a mia piccola bimba di quasi 3 anni!
    mi iscrivo subito al blog così non perdo i prossimi post!

    RispondiElimina
  6. grazie max per la visita, è un piacere averti qui:) spero troverai altre cose interessanti!

    RispondiElimina
  7. ma quanto mi piace sto blog!
    grazie della ricetta, non ho né planetaria né sparabiscotti ma qualcosa farò, le Albicocche della Rigoni di Asiago la mangio a cucchiaiate...

    RispondiElimina